Pagine

giovedì 22 settembre 2016

Vertigine di Francesco Aloe


Frank è un detective italiano che vive a Oslo. Annoiato dalla tranquillità della vita norvegese e tormentato per una storia d'amore a distanza che sembra non voler iniziare mai, cerca distrazione alimentando un rapporto epistolare con uno studioso di cultura Maya, con cui discute attorno al destino del mondo e alla profezia del 21/12/2012.

La sua vita cambierà quando deve indagare su un omicidio avvenuto a Undredal, piccolo villaggio della Norvegia. Nello stesso villaggio vive il padre del suo collega, Steve, con il quale si recherà sul posto.

Un po’ thriller e un po’ noir, Vertigine è un romanzo violento e delicato, crudo e romantico, introspettivo e d’azione. Come in un fumetto, il lettore si ritroverà proiettato in un luogo non comune. Un mondo freddo di menti fragili e di pazzia. 

Acquista: Amazon

Autore
Francesco Aloe, classe 1982, è studioso di letterature ispano-americane e autore di romanzi. Si è laureato in Lingue e letterature straniere a Bologna, con una tesi su Tollan-Teotihuacan e la storia tolteca. Nel 2009 si specializza in Lingua, società e comunicazione e presenta una tesi sulla Letteratura noir ispano-americana. Nel 2014 ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Letterature moderne, comparate e postcoloniali presso l’Università di Bologna, con un progetto incentrato sulla narrativa testimoniale dell’America Latina.

Il noir e tutte le sue sfumature è il genere che lo appassiona e lo rappresenta di più. Nel 2008 pubblica Vertigine, il suo primo thriller, ripubblicato in una nuova edizione aggiornata da Lettere Animate Editore nel luglio 2016. Ad aprile 2011 esce per la collana VerdeNero Noir di Edizioni Ambiente con Il vento porta farfalle o neve, romanzo d’inchiesta che prende le mosse dai fatti che determinarono la tragedia del Moby Prince avvenuta nel porto di Livorno nel 1991.

Nessun commento:

Posta un commento