Pagine

lunedì 31 ottobre 2016

La stella di Seshat di Giorgia Penzo


La signorina Fitzroy è un’archeologa. Un’archeologa un po’ particolare. La chiamano quando deve districare particolari enigmi. Come il recupero dell’ultima goccia di Amrita, l’acqua della vita eterna, oppure la leggendaria Stella della tiara della dea Seshat, grazie alla quale svelare i segreti della Conoscenza.

Appartiene alla casta dei Longevi. Coloro che desiderano l’immortalità non hanno la minima idea di quello che significhi. È una condanna venduta, da chi non l’ha mai subita, come il dolce più zuccherino. Appena la si assaggia, ecco che diventa fiele. Quel sapore rimane in eterno e diventa sempre più amaro, fino a corrompere l’anima.

Acquista: Amazon

Autrice
Giorgia Penzo è nata a Reggio Emilia nel 1987. Dopo aver conseguito la maturità magistrale, s’iscrive alla facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Parma dove si laurea a pieni voti.

Le discipline a cui resta particolarmente legata sono Filosofia e Storia del diritto.Essendo da sempre interessata al passato e ai suoi protagonisti, la storia e la ricerca sono parte integrante della sua passione per la scrittura. I suoi interessi spaziano dalla mitologia classica, fino all'arte e il cinema.

È autrice di diversi racconti e di una duologia urban fantasy composta dai romanzi Red Carpet e Asphodel (Editrice GDS). A Marzo 2014, con il racconto La Stella di Seshat, si classifica al terzo posto nel concorso letterario #SEMantica 22 indetto dalla casa editrice SEM Edizioni. Con la casa editrice digitale Genesis Publishing ha pubblicato il saggio storico giuridico I processi a Luigi XVI e Maria Antonietta - Dal trono al patibolo.

Nessun commento:

Posta un commento