Pagine

sabato 8 ottobre 2016

Ophir - Codice vivente di Rita Carla Francesca Monticelli


CUSy è l’IA che gestisce gli habitat marziani. CUSy veglia sugli abitanti di Marte, assicura il loro benessere, controlla i sistemi che li mantengono in vita. Ma chi controlla CUSy?

Sono passati pochi anni dalla ripresa dei rapporti tra Marte e la Terra, durante i quali i colonizzatori hanno trasformato Ophir in una piccola città. Nonostante il supporto da parte dell’Agenzia Spaziale Internazionale sia stato finora fondamentale e in cambio quest’ultima abbia ottenuto nuove tecnologie sviluppate dai marziani, la diffidenza reciproca rappresenta ancora il più grosso ostacolo per il progetto comune di conquista dello spazio.

Durante una missione nel Mare Ingenii, situato sul lato lontano della Luna, Hassan Qabbani scopre, infatti, sulla propria pelle che sulla Terra c’è chi vorrebbe abbandonare completamente il pianeta rosso ed è pronto a qualsiasi azione pur di rallentare il programma Aurora.

Su Marte, invece, Melissa Diaz sta portando avanti un piano alternativo per avvicinarsi all'agenzia, nonostante i centinaia di milioni di chilometri di distanza, e nel frattempo ha individuato una strategia per isolare, tra i vari ceppi di batteri disseminati nelle acque sotterranee, quelli che potrebbero ancora contenere i geni perduti del codice capaci di conferirle la resistenza ai campi magnetici permanenti.

Le ricerche la condurranno a un lungo viaggio, insieme al suo compagno Nicholas, attraverso lo sconfinato deserto rosso di Marte, mentre il parziale isolamento dalla collettività la spingerà a esplorare l’altrettanto misteriosa natura umana che, di giorno in giorno, impone sempre più su di lei la propria influenza.

Ma la giovane leader potrebbe non essere l’unica entità senziente sul pianeta impegnata a esplorare la propria natura.

In questo romanzo ritornano sia i protagonisti della serie di Deserto rosso, di cui rappresenta il seguito cronologico, che alcuni personaggi de L’isola di Gaia. È perciò essenziale, per una completa comprensione della storia, la precedente lettura delle prime due parti del ciclo dell’Aurora. 

Acquista: Amazon

Autrice
Nata a Carbonia nel 1974, Rita Carla Francesca Monticelli vive a Cagliari dal 1993, dove lavora come scrittrice, oltre che traduttrice letteraria e scientifica (Anakina Web). Laureata in Scienze Biologiche nel 1998, in passato ha ricoperto il ruolo di ricercatrice, tutor e assistente della docente di Ecologia presso il Dipartimento di Biologia Animale ed Ecologia dell’Università degli Studi di Cagliari.

Amante del cinema, ha mosso i primi passi nella scrittura cimentandosi nella realizzazione di soggetti cinematografici e sceneggiature originali, oltre che di fan-fiction (tra cui La morte è soltanto il principio ispirata al film La Mummia e disponibile in ebook dal 2012). 

Dal 2009 si occupa di narrativa. Tra il 2012 e il 2013 ha pubblicato la serie di fantascienza Deserto rosso.

Sempre nel 2014 ha pubblicato il thriller Il mentore e il romanzo di fantascienza L’isola di Gaia. Quest’ultimo è ambientato nella stessa linea temporale di Deserto rosso e insieme a esso, e ad altri romanzi futuri, fa parte di un ciclo fantascientifico denominato Aurora. Nel 2015 ha pubblicato il thriller Affinità d’intenti e il romanzo di fantascienza Per casoSindrome è il suo decimo libro (21 maggio 2016).

Appassionata di fantascienza e soprattutto dell’universo di Star Wars, è conosciuta nel web italiano con il nickname Anakina e ha una rubrica nel podcast FantascientifiCast. È anche rappresentante italiana di Mars Initiative e membro dell’International Thriller Writers Organization.

Nessun commento:

Posta un commento