Pagine

martedì 1 novembre 2016

Mutazioni di Michael Laimo / Stefano Fantelli


Due racconti, due modi diversi di interpretare un tema caro alla narrativa horror come quello della mutazione. Il confronto tra un autore di respiro internazionale come Michael Laimo e Stefano Fantelli, grande penna del fantastico italiano.

Un confronto che non è una gara ma un incastro, non solo nell'idea dell'accostamento ma anche nella forma del libro: un tascabile reversibile. Una mutazione del libro stesso, arricchita dalle illustrazioni di Roberta Guardascione.

Acquista: Amazon

Autori
Michael Laimo. Nato nel 1966, Michael Laimo ha scritto numerosi romanzi horror, tra cui Atmosphere e Deep in the Darkness, entrambi nominati per il Bram Stoker Award. La sua produzione di racconti brevi è stata raccolta nei volumi Demons, Freaks, and Other Abnormalities, Dregs of Society e Dark Ride. Dai romanzi Dead Souls e Deep in the Darkness, NBC/CHILLER ha tratto due film, di cui il primo uscito nel 2012 e il secondo in uscita per il 2014. In Italia è stato pubblicato nel 2005 Dal profondo delle tenebre (Deep in the Darkness) per i tipi di Gargoyle Books.

Stefano Fantelli. Ha pubblicato le raccolte di racconti Alla fine della notte (Mobydick, 2003), Dark Circus (Cut Up, 2009) e Io sono il Brujo: Confessioni di uno stregone (Mezzotints Ebook, 2013), le graphic novel El Brujo Grand Hotel (Cut Up, 2010) e Zombie Paradise (UniversItalia, 2013) e il romanzo Strane ferite (Cut Up, 2012). Ha curato le graphic novel Bloodymilla di Barbara Baraldi (Delos Books, 2011) e Morbo Veneziano di Danilo Arona (Cut-Up, 2011).

Insieme all’autore americano Michael Laimo ha firmato il libro Mutazioni (Nero Press, 2014). Nel 2014 ha ideato e cura per l’editore Cut Up la collana horror di narrativa illustrata Incubazioni. Attualmente lavora come sceneggiatore per la serie a fumetti The Cannibal Family (di cui è il co-creatore insieme a Rossano Piccioni) e per la nuova serie della rivista horror cult Splatter. Non si sa nulla di ciò che tiene seppellito in giardino.

Nessun commento:

Posta un commento