Pagine

mercoledì 25 gennaio 2017

La guerra dei mondi di H.G. Wells


Cosa sono quelle esplosioni che si registrano a ritmo regolare sulla superficie di Marte? Da dove proviene quel gigantesco cilindro metallico fiammeggiante, piovuto dal cielo, rinvenuto in un cratere a poca distanza dal centro di Londra?

Qualunque sia la forma di vita che ha guidato quell'oggetto fin lì, nessuno può prevedere l’entità della catastrofe che sta per scatenarsi sull'intera umanità. Quei cilindri che non cessano di cadere sulla superficie della Terra sono abitati da creature il cui unico scopo è distruggere ogni forma di vita sul pianeta e colonizzarlo. Le loro gigantesche macchine da combattimento sono pronte ad annientare qualsiasi forma di opposizione umana e a rendere la Terra una landa desolata da scenario post-apocalittico.

Un’umanità terrorizzata e disillusa, avviata impotente verso una fine crudele, vede avverarsi l’incubo più profondo e ancestrale: l’apocalisse. Il destino ultimo del mondo sembra aver trovato il suo compimento. Un disegno più grande di quanto l’intelligenza umana possa comprendere sta per essere rivelato. Una delle storie più straordinarie mai raccontate.

Un’epopea visionaria e rivelatrice, da una delle menti più geniali della letteratura fantascientifica mondiale.

Acquista: Amazon

Autore
H.G. Wells (1866-1946) è stato uno scrittore britannico considerato, insieme a Jules Verne, il padre della fantascienza. Il suo primo romanzo, La macchina del tempo, pubblicato nel 1895, ottiene un immediato successo. Attraverso le categorie della scienza, dell’avventura e della politica, categorie di cui l’autore si avvarrà anche nei successivi lavori, Wells esprime le proprie preoccupazioni riguardo al futuro della civiltà.

Nessun commento:

Posta un commento